torna all'Home Page
   
giovedì 23 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna scientifica


Importanza della Melatonina (MLT) per la membrana dei megacariociti.

XXXVII Congresso Nazionale
SOCIETÀ ITALIANA DI NUTRIZIONE UMANA
XVIII Riunione Generale
PALAZZO DEI GONGRESSI
PISA
24-27 settembre 1985
M.T. Rossi, L. Di Bella, L. Gualano, L. Roncone, L. Morotti & V. Ventura, G. Rascente.

(Istituto di Fisiologia Umana, Modena, Casa di Cura Villa Maria, Bologna; Osp. civile Budrio, Bologna; Osp. civile Medicina, Bologna; Osp. civile, Atri, Teramo)

Importanza della Melatonina (MLT) per la membrana dei megacariociti.

Zajicek & Datta (Acta Haemat., 1953, 9, 115-21) dimostrarono un rapporto inverso nel contenuto in Acetilcolinesterasi (AChE: 3.1.1.7) fra eritrociti e piastrine di uomo, bovini, cavie, equini, conigli, ratti e gatti. Secondo Zajicek (Acta Physiol. Scand., 1957, 138, Suppl. 40; 1-32) l'AChE sarebbe presente nella comune "stem cell" e si trasmetterebbe al sistema eritroide, ma non ai megacariociti (Mgc) nell'uomo (Idem, Acta haemat., 1954, 12, 238-44), contrariamente che nel gatto, per un diverso comportamento nella discendenza cellulare del precursore comune. Sia nelle piastrine che negli eritrociti l'AChE è tenacemente legata allo stroma (Paleus: Arch. Biochem. 1947, 12, 153-4). In precedenti ricerche avevamo constatato che l'aggiunta di ChE (3.1.1, 8;6.5 EU/ml), di carbacolo (0.0958 M) e di MLT (0.23 M) promuoveva la piastrinopoiesi in vitro; le piastrine emergevano a gruppi da aree discrete della superficie del Mgc, mentre al contrario comparivano isolate e fluorescenti per MLT se si aggiungevano inibitori della HIOMT (2.1.1.4) o della NAT (2, 3,1, 5). Data la presenza di ChE (3.1.1.8) negli eritrociti abbiamo esaminato al microscopio a scansione il comportamento dei Mgc isolati per filtrazione attraverso una membrana nucleopore con pori di 8µm, in presenza o meno di MLT. Il risultato è stato che in presenza di MLT il Mgc isolato si comporta come se ci fossero gli altri elementi cellulari del midollo mentre in assenza di MLT la membrana si frammenta in filamenti e sembra dissolversi. Questi risultati depongono:

1) Per un'influenza della Acetilcolina, della AChE e della MLT sul modo di produzione delle piastrine; 2) Per la necessità che donatori di -CH3 e di CH-CO siano presenti nella membrana dei Mgc per un certo tipo di produzione di piastrine; 3) Per la necessaria presenza di MLT per l'integrità della membrana e per la funzione piastrinopoietica dei Mgc.

Prof. Luigi Di Bella

24/09/1985
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy