torna all'Home Page
   
venerdì 24 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

News


Il professor Luigi Di Bella a Grosseto

Il 16 dicembre un folto pubblico ha accolto con grande emozione il prof. Di Bella, invitato dall’A.M.A. (Amatori Maremmani Aloe) a svolgere una conferenza sul tema “ Terapia Di Bella e complementi dietetici”. Oltre a rappresentanti di molte altre associazioni e del Presidente della federazione nazionale Amici Aloe, erano presenti autorità e rappresentanti delle istituzioni cittadine, dopo il breve saluto di benvenuto da parte di Giuseppe Favilli, il presidente dell’A.M.A., al prof Di Bella ed il saluto della Presidente della Circoscrizione Gorarella, il Sindaco di Grosseto Alessandro Antichi ha donato una targa con i simboli della città al Professore ringraziandolo per il suo impegno a beneficio dell’umanità intera e per l’attenzione verso la persona, cosa che dovrebbe essere sempre al centro dell’attività di ognuno. Nel corso dell’incontro ha preso la parola il dott. Paolo Giordo portavoce della Commissione scientifica dell’Associazione e referente del metodo Di Bella. Il dott. Giordo ha affermato che la cura delle malattie, soprattutto quelle degenerative non può essere scissa da una corretta alimentazione, che anzi ne è fattore fondamentale: l’alimentazione costituisce in pratica una trofoprevenzione che deve essere diversa da persona a persona. Il prof. Di Bella ha iniziato la sua relazione sottolineando la vastità dell’argomento e quindi la necessità di trattare solo le linee generali, ha ricordato che occorre molta cautela nel parlare degli esiti dei tumori poiché le statistiche non sono sempre del tutto attendibili, infatti, causa mortis, negli affetti da tumore, non sempre è attribuibile ad una patologia specifica, poiché il cancro presenta una molteplicità ed una complessità di aspetti tale da coinvolgere tutti gli organi dell’essere umano. Ha ribadito che c'è grande ignoranza in fatto di alimentazione e che pertanto occorre prudenza nell’attribuire colpe e meriti ad alcune sostanze e per quanto riguarda gli alimenti quotidiani occorre considerare quantità, qualità e intervallo di assunzione.
Il professore ha poi parlato di altri fattori nocivi per la salute e si è soffermato su alcune delle cause dei tumori dell’apparato respiratorio (fumo, sostanze irritanti, polvere…) e di quelli della pelle (raggi solari principalmente). Per quanto riguarda i rimedi il professore ha affermato che a tutt’oggi non abbiamo una cultura sufficiente per proteggerci: importante è che il sangue porti a tutti gli organi i principi necessari per difendersi occorre perciò un’alimentazione adeguata e cioè il contrario di ciò che generalmente facciamo. Essenziale è capire che il nostro destino patologico dipende in parte da noi.
A.M.A. V. Papa Giovanni XXIII Grosseto Tel 03387721557

04/09/2002
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy