torna all'Home Page
   
domenica 19 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


In questi anni i medici dibelliani non hanno prodotto molti studi

Oltre alla sperimentazione e alle sentenze dei giudici, in questi 5 anni sono successi tanti eventi. Troppo pochi, tuttavia, sono quelli degni di nota dal punto di vista scientifico. Finita la sperimentazione, molti auspicarono che i medici dibelliani - sono diversi quelli che praticano la sua terapia da oltre dieci anni - redigessero studi seri e rigorosi sui propri pazienti e li pubblicassero sulle riviste scientifiche internazionali secondo i crismi dettati dalla scienza. Tuttavia, ad oggi, se si eccettua la sperimentazione ministeriale pubblicata su due riviste, esiste solo uno studio sulla terapia Di Bella, reperibile attraverso la banca dati mondiale"Medline Express".


Si tratta di uno studio molto promettente condotto dal dottor Mauro Todisco su suoi pazienti affetti da"Linfoma Non Hodgkin a basso grado in stadio avanzato", pubblicato sulla rivista Cancer Biotherapy and Radiopharmaceutical. Inoltre, sono in via di rifinitura due studi significativi condotti da altre equipes di medici dibelliani, ma i tempi necessari per la revisione da parte di commissioni indipendenti e per la pubblicazione sono biblici, tanto più quando si tratta di terapie non convenzionali o, peggio, contestate e già bocciate. Per il resto esistono in letteratura centinaia di studi internazionali sui singoli farmaci usati da Di Bella, che ne accreditano l'efficacia, ora minima ora sostanziale. Ma non si hanno ulteriori notizie di lavori sull'intera Mdb messi a punto dai medici, molti dei quali si limitano a prescrivere la terapia e a seguire i pazienti con la dovuta professionalità - anche se ciò non vale sempre per tutti - ma a quanto pare non hanno sentito il dovere e l'importanza del salto di qualità ai fini del riconoscimento della terapia che essi stessi prescrivono.

Vincenzo Brancatisano

La Gazzetta di Modena 29/05/2002
http://www.gazzettadimodena.quotidianiespresso.it
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy