torna all'Home Page
   
lunedì 20 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna scientifica


La Vitamina E nella prevenzione delle lesioni ulcerative-necrotiche da chemioterapia

Alcuni farmaci anti-neoplastici possono causare, se travasano nella sede di infusione in corso di chemioterapia, gravissime lesioni ulcerative-necrotiche. Queste lesioni sono molto spesso ribelli a tutte le terapie, topiche e sistemiche, e possono estendersi a tutto l'arto superiore, fino a richiedere talvolta l'amputazione. Le antracicline, e in particolare la doxorubicina, sono tra i farmaci più spesso responsabili.
Nel 1994 Bauer et altri trattarono ratti a cui era stata somministrata doxurubicina, al dosaggio di 6mg/kg per via endovenosa, con TRIAD per via orale. IL TRIAD è un composto a base di piruvato di sodio, vitamina E e acidi grassi insaturi. Gli autori osservarono che il composto favoriva la guarigione della lesione indotta dalla doxurubicina. Korac e Buzadzic hanno recentemente dimostrato che è possibile proteggere la cute del ratto dall'azione necrotizzante della doxorubicina somministrata per via endovenosa, aggiungendo alla dieta per 15 giorni vitamine A,C, ed E e lieviti arrichiti in selenioproteine. L'insieme di queste molecole sembra quindi in grado di prevenire la tossicità da doxorubicina.

Conclusioni
I risultati degli studi fino ad oggi pubblicati nella letteratura internazionale non consentono di affermare con sicurezza che la vitamina E per via orale possa essere considerata efficace come fotoprotettore. Infatti, i risultati degli studi nel volontario sano non sono, come riferito precedentemente, univoci. Inoltre, gli studi clinici fino ad oggi pubblicati non hanno fornito una risposta conclusiva circa il dosaggio d'attacco quotidiano ottimale, e la durata del trattamento variabili di enorme importanza per il dermatologo clinico. dato il notevole interesse che sta attualmente suscitando la vitamina E, soprattutto nelle formulazioni topiche, si auspicano nuovi studi clinici controllati che possano fornire risposte chiare a questi quesiti.

(tratto da La Vitamina E in dermatologia,
Stefano Veraldi ed. Cluep University Publisher, Padova)

Stefano Veraldi

Per Vivere 10/09/2002
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy