torna all'Home Page
   
venerdì 24 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa

La Regione attende l'approvazione del protocollo La struttura "candidata" è l'Ospedale "Businco"
Linea dura in Sardegna: "Sì alla scienza, no ai pretori"

CAGLIARI - L'ospedale oncologico Businco di Cagliari è l'unico presidio sanitario della Sardegna autorizzato a sperimentare la somatostatina. La cura Di Bella si affiancherà ad altre dieci terapie che, in base a protocolli internazionali, vengono già sperimentate dagli specialisti cagliaritani. Ogni decisione sulla sua utilizzazione dipenderà dai primari dei reparti di di Oncologia 1, 2, e 3, di Ematologia e di Oncologia medica (Alberto Desogus, Sandro Pasqualini, Vittorio Mascia, Giorgio Broccia, Bruno Massidda).

Il direttore sanitario del Businco, Antonio Monni, prima di avviare la sperimentazione, attenderà l'approvazione del protocollo terapeutico da parte del comitato etico nazionale e chiederà l'assenso anche del comitato etico del presidio. "Una volta ricevuti questi pareri favorevoli", spiega Monni, "occorre trovare i pazienti. Questi dovranno essere preventivamente informati di tutto (occorre infatti l'assenso informato): dal tipo di farmaco alle modalità di somministrazione e, soprattutto, agli eventuali rischi in cui si incorre con la sperimentazione e ai problemi in cui si va incontro rinunciando a una terapia consolidata per provarne un'altra".

La Regione Sardegna ha annunciato che presenterà ricorsi contro qualsiasi decisione dei pretori di concedere la somatostatina pubblica e gratutita ai malati di tumore che ne faranno richiesta. "Dal punto di vista etico", ha detto l'assessore alla Sanità Paolo Fadda, "questa decisione vuole soprattutto tutelare la salute della gente davanti a una terapia che non ha ancora superato la sperimentazione. Noi pensiamo che debbano essere la scienza e la ricerca a dettare le terapie, non la magistratura o la disperazione dei malati".

Nelle preture di Nuoro e di Cagliari sono stati già presentati diversi ricorsi per ottenere la somministrazione gratuita del farmaco. E la pretura di Tempio in un caso si è già espressa favorevolmente.

Giuseppe Porcu

La Repubblica 17/01/1998
http://www.repubblica.it/online/dossier/dibella/sardegna/sardegna.html
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy