torna all'Home Page
   
lunedì 20 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa

Ricominciare la verifica sulla cura anticancro di Luigi Di Bella: lo chiede un gruppo di parlamentari. E il medico modenese al centro delle polemiche insiste: «La scienza oggi mi ha dato ragione».
Una terapia che fa ancora rumore

Sotto la cenere continua a covare la somatostatina. E una nuova sperimentazione clinica sulla controversa terapia del fisiologo modenese Luigi Di Bella. A cinque anni dalla bocciatura dei test decretati dal ministro della Sanità Rosy Bindi (riquadro in basso) il caso torna in Parlamento.
Sono ben 55 i provvedimenti in materia che aspettano di essere discussi in aula. Il primo è appena stato approvato dalla Camera ed è stato recepito dal governo sotto forma di raccomandazione: una commissione d'inchiesta per verificare una serie di presunte irregolarità nel corso della sperimentazione ministeriale. Irregolarità che, secondo i firmatari, un gruppo di deputati capeggiati da Fabio Garagnani di Forza Italia, dovrebbero fare invalidare i vecchi test e lanciare una nuova sperimentazione.

Il ministro della Salute, Girolamo Sirchia, potrebbe decidere l'istituzione della commissione con un provvedimento amministrativo. «È un atto doveroso» sostiene Garagnani. Secondo il deputato, molti pazienti sono stati obbligati a seguire le cure tradizionali nonostante ne fosse documentata l'insofferenza. E ricorda che gli stessi fautori della sperimentazione del 1998 ammisero l'esistenza di irregolarità. «Una commissione di verifica è la conseguenza naturale di quelle ammissioni» dice Garagnani. «La sperimentazione è costata allo Stato oltre 50 miliardi di lire. Se ci fossero davvero motivi di invalidazione, sarebbe grave fare finta di nulla».
La richiesta al governo, insomma, è precisa. Anche se, per ora, non entra nel merito dell'efficacia della terapia. Il terreno di battaglia è tutto politico. «Noi non sappiamo se il metodo sia efficace» continua Garagnani «ma crediamo esistano gli estremi per una nuova sperimentazione».
Sempre alla Camera è pronta un'altra risoluzione di Cesare Ercole, della Lega nord. La commissione Affari sociali dovrà discuterla nel prossimo trimestre. «Abbiamo ravvisato almeno 11 motivi invalidanti della sperimentazione Bindi del 1998» dichiara Ercole.

Mentre la polemica politica cresce, da Modena, il novantunenne Luigi Di Bella e suo figlio Giuseppe portano avanti la loro battaglia. «Gli elementi per ristabilire la verità ci sono tutti» spiegano a Panorama i Di Bella. «Ci pare che adesso ci sia anche una certa volontà politica. Il decreto Bindi definì la terapia inefficace su una base di falsi clamorosi».
La sequenza di irregolarità lamentate è lunga. Gli stessi organismi che si occuparono della preparazione dei farmaci, poi somministrati durante la sperimentazione, ammisero che i cocktail contenevano metà dei principi attivi indicati dal professore modenese, c'erano farmaci scaduti e i preparati contenevano sostanze cancerogene, come l'acetone.
Cinque anni di silenzio forzato, comunque, non hanno affatto bloccato l'attività dei due medici. «La terapia Di Bella è la migliore soluzione esistente oggi, in base al rapporto tra risultati terapeutici ed effetti tossici» dice Luigi Di Bella. «Malgrado la disinformazione, moltissimi pazienti sanno di non avere alternative. La cura funziona. E, a differenza di cinque anni fa, oggi lo dimostra anche la documentazione scientifica».
I Di Bella presentano una notevole mole di studi. Sono oltre 34 mila ricerche mondiali che testimoniano la validità di somatostatina, melatonina, retinoidi e vitamina D nella cura dei tumori. «La dimostrazione scientifica della cura oggi esiste» insiste Luigi Di Bella «e questo confuta che si tratti di una terapia alternativa. Il nostro metodo è farmacologico e fa rispondere tumori che non hanno trovato soluzione con le terapie tradizionali».

Cresce anche il numero di pazienti pronti a ricorrere al magistrato pur di poter seguire la cura a spese del Servizio sanitario nazionale. Il numero esatto è impossibile da stabilire: oltre un migliaio di sentenze emanate dalle procure italiane condannano le asl a concedere la cura ai pazienti. Denunce che hanno già portato quattro regioni d'Italia (Lazio, Puglia e, in maniera più restrittiva, Emilia Romagna e Toscana) a decidere di erogare la cura a spese dello Stato.
«Non è un caso» sostiene Giuseppe Di Bella. «Le decisioni dei tribunali si basano su minuziose perizie mediche. Alcune delle persone che abbiamo in cura hanno dovuto vendere la propria casa per acquistare i medicinali. Altri, che pur avevano dimostrato una regressione delle neoplasie grazie alla cura Di Bella, hanno dovuto interrompere la terapia: sono peggiorati e deceduti».
Le denunce dei pazienti hanno costituito la base di indagini penali che, però, non hanno prodotto risultati di rilievo. La principale era stata aperta dal procuratore di Torino, Raffaele Guariniello. L'inchiesta era poi stata trasferita a Firenze, ma qui era stata archiviata.
Pur convinti della validità scientifica del proprio preparato, Luigi e Giuseppe Di Bella non nascondono scetticismo di fronte alla possibilità di un riconoscimento ufficiale della terapia. «Questa volontà politica dovrà scontrarsi con poteri immensi» dice Giuseppe Di Bella.
I due medici confidano anche nell'attenzione della scienza internazionale: «L'aumento delle pubblicazioni scientifiche è sintomatico del crescente interesse» conclude Luigi Di Bella. «La mia terapia è talmente complessa da aver richiesto 20 anni di ricerche, per iniziare a comprenderne la portata delle possibilità aperte, con un'autentica rivoluzione strategica nella terapia anticancro».

DIECIMILA CI SPERANO SEMPRE

Dal ministero ai tribunali, storia di una tesi discussa

Luigi Di Bella, 91 anni, è il clinico modenese inventore di una controversa multiterapia anticancro basata su una miscela di somatostatina, melatonina, vitamine e altri ingredienti.
Dopo le proteste di migliaia di pazienti, che nel 1997 chiedono che la terapia sia accreditata scientificamente, il ministro della Sanità Rosy Bindi decreta la sperimentazione clinica.
La sperimentazione comincia nel marzo 1998. Prima in luglio, poi in novembre, i risultati sono negativi.
Le associazioni dei malati vicine a Di Bella contestano i metodi dei test.
A ottobre 1998 partono le indagini dei Nas di Roma dopo le denunce di alcuni pazienti che lamentano ustioni alla gola e alla lingua per la presenza di acetone nei cocktail.
Sulla base dei primi ricorsi presentati da pazienti, il pretore di Maglie (Lecce), Carlo Madaro, commissiona una perizia che si basa su 700 cartelle cliniche e pare ribaltare i risultati della sperimentazione ministeriale.
Oltre mille sentenze in tutta Italia hanno ordinato la somministrazione della terapia a spese delle asl.
I malati ancora in cura con la multiterapia Di Bella oggi sono circa 10 mila.

di Anna Leogrande

Panorama 20/06/2003
http://www.panorama.it/scienze/scoperte/articolo/ix1-A020001019642
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy