torna all'Home Page
   
giovedì 23 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa

Luigi di Bella, noto per la terapia anti cancro a base di somatostatina, melatonina e retinoidi, è morto in ospedale. Era stato ricoverato a maggio per problemi cardio-respiratori.
Modena, morto il professor Di Bella

MODENA – Il professor Luigi Di Bella è morto questa mattina nella divisione di medicina dell' ospedale Estense di Modena. Era ricoverato da alcune settimane in seguito a un problema cardiorespiratorio. Il 17 luglio avrebbe compiuto 91 anni.

Il suo nome è legato a una terapia una terapia anticancro a base di melatonina, somatostatina e retinoidi, mai riconosciuta dal Ministero della Sanità. Eppure decine di persone, malati di tumore, parenti e famiglie, si rivolsero a lui nella speranza di allontanare, del tutto o in parte, lo spettro della morte.

Il professore era stato ricoverato d’urgenza a fine maggio in gravi condizioni. L’anno scorso in clinica gli era stato impiantato un pace-maker."Mio padre si sta lentamente spegnendo, ormai è questione di giorni, forse di ore", diceva questa mattina il figlio Giuseppe, medico a Bologna, dalle pagine del Resto del Carlino. "Come figlio e come medico - ha detto il figlio - sono sempre stato, sono e sarò a fianco di mio padre. Senza ambizioni cercherò di continuare l' opera di verità di mio padre pur con le forze modeste di cui dispongo, totalmente consacrate a questa causa".

Giuseppe Di Bella sta per dare alle stampe un libro che rappresenta il testamento spirituale del padre. "E' la sintesi della sua opera - dice - e dovrà servire da punto di riferimento a quanti vorranno impegnarsi nello sviluppo della terapia".



“Una persona limpida e onesta, convinta di fare cose giuste alla quale dobbiamo rispetto – dice il ministro della Salute Girolamo Sirchia -. Sicuramente dava l'idea del medico che amava il malato, che lo ascoltava e che si immedesimava nei suoi problemi. Che la sua terapia non abbia retto alla verifica nulla toglie al valore dell'uomo”.

Il Nuovo 01/07/2003
http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0,1007,182976,00.html
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy