torna all'Home Page
   
venerdì 24 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


La difficile eredità di un grande uomo

E' stato un grande modenese, Luigi Di Bella. Grande e incompreso da molti concittadini, amato almeno da altrettanti. Un uomo che ha fatto del bene, in modo sempre disinteressato, nel corso di una lunga vita. Era uno scienziato di prim'ordine, ha studiato e messo a punto una multiterapia per la cura del cancro, l'ha applicata con successo a tanti pazienti. Non si è arricchito, non ha mai discriminato chi si presentava alla porta della modesta casa di via Marianini. A un certo punto, quando il suo cammino volgeva al tramonto, quest'uomo schivo e dal carattere non facile, abituato a parlare solo con i fatti, è diventato un caso nazionale e un simbolo allo stesso tempo, sotto la luce invadente dei riflettori e contro la sua volontà: in troppi l'hanno tirato per la giacca, anzi per il camice candido che non abbandonava mai. E forse non poteva andare diversamente: quanto dolore e quante speranze intorno alla malattia, ma anche — diciamolo — troppi interessi contrastanti e non sempre confessabili. Lui, piccolo, determinato e schivo — un «leone buono», come lo chiama il figlio Adolfo — è sempre riuscito a volare alto, più alto dei detrattori, dei fans viscerali, della corte dei miracoli che spesso vive all'ombra di un personaggio. Senza recedere mai dai suoi principi, senza rinunciare alla critica contro quella che avrebbe dovuto essere, e a suo avviso non fu, una vera sperimentazione nazionale della multiterapia Di Bella. Ai medici, ora, il dovere di valutare quanto il metodo funzioni, ma una cosa è certa: il professore non sarà dimenticato, anche se la sua non è un'eredità facile da raccogliere.

di Eugenio Tangerini

Il Resto del Carlino 02/07/2003
http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/chan/29/1:4517426:/2003/07/02
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy