torna all'Home Page
   
sabato 25 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa

Carcinoma polmonare, 320 pazienti sott'osservazione.
Si sperimenta l'octreotide per il polmone

Chimicamente somiglia alla somatostatina. Octreotide potrebbe essere una delle terapie oncologiche di scelta del prossimo futuro. Il suo meccanismo d'azione è parte integrante del "Razionale" DI Bella. Da sei mesi l'équipe coordinata da Stefano Iacobelli, direttore della clinica oncologica dell'Università "G. d'Annunzio" di Chieti, ha iniziato la sperimentazione su 320 pazienti affetti da carcinoma polmonare a piccole cellule già trattati in prima linea con chemioterapia. Lo studio, approvato dal comitato etico nazionale, proseguirà ancora per dodici mesi. Dopo i risultati.
L'obiettivo lo spiega il professor Iacobelli che ne parlerà al congresso di Bologna: "Misurare in quanto tempo riprende la malattia, in quanti pazienti, la sopravvivenza e la loro qualità di vita. Per ora osserviamo una buona tollerabilità nel gruppo di malati che assume octreotide rispetto al gruppo di pazienti che non lo riceve".
Il farmaco, somministrato ogni ventotto giorni per via sottocutanea, è un analogo della somatostatina che, nella Multiterapia Di Bella era usata in maniera indiscriminata per tutti i tumori molto avanzati. Ora le tecniche di oncogenomica e di oncoproteomica permettono di individuare i recettori presenti sulle cellule tumorali sulla somatostatina e i suoi analoghi e procedere all'attuazione di una terapia oncologica targhettizzata. "Per selezionare i pazienti candidati all'octeotride - sottolinea il professor Iacobelli - abbiamo utilizzato "OctreoScan", una scintigrafia con octreotide radiomarcato che riesce ad individuare la presenza di recettori 2 e 5 specifici per la somatostatina, e un test predittivo rapido che speriamo a breve potrà essere diffuso sul territorio nazionale, "Smart-Chip" capace di identificare in due ore le proteine espresse dal tumore che viene così bersagliato da un farmaco mirato".

Mariapaola Salmi

La Repubblica Salute 06/05/2004
http://www.repubblica.it/supplementi/salute/index.htm
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy