torna all'Home Page
   
domenica 19 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


Un po' di verità su tumori e chemio da... Veronesi e famiglia

"È altissimo il tasso di insuccesso della chemioterapia che, richiesta nell'80% dei malati di tumore polmonare, funziona solo nel 50-70% dei casi se la malattia è localizzata e nel 30% dei casi se è metastatica, cioè diffusa".
Lo ha ammesso, secondo quanto riferisce l'Ansa, Giulia Veronesi, vicedirettore della Chirurgia toracica dell'Istituto Europeo di Oncologia, nell'illustrare oggi una fra le tre più promettenti linee di ricerca contro il cancro del polmone intraprese all'Ieo.

Proprio dalla constatazione dei frequentissimi insuccessi della chemioterapia e dalla necessità di scoprirne il motivo, è nata l'idea di andare a identificare quali sono i pazienti che hanno un tumore polmonare sensibile ad essa e solo a loro, dunque, somministrarla.
"Finora - ha spiegato Giulia Veronesi - il trattamento chemioterapico è stato scelto in modo empirico. Con questa ricerca diventerà un trattamento mirato solo a un particolare gruppo di pazienti, poiché è importante ridurre o evitare cure che, oltre a essere inefficaci, comportano potenzialmente effetti collaterali molto pesanti".

Per questo, sempre secondo quanto riferisce l'Ansa, i ricercatori dell'Ieo avvieranno uno studio di farmacogenomica che ha l'obiettivo di identificare quei geni che possono predire la risposta dell'organismo ai farmaci (fattori predittivi).
"In pratica - ha spiegato la dottoressa - preleveremo pezzetti di tumore, ne analizzeremo gli enzimi e i geni e andremo a confrontarli con i risultati del trattamento chemioterapico". Una volta saputo quali sono i fattori sensibili ai chemioterapici o quelli che sviluppano resistenza a questi farmaci, basterà andare ad analizzare il profilo genico di ogni malato per scoprire se li contiene o meno, se cioè è sensibile alla chemio oppure no.

"E in questo modo - ha concluso la ricercatrice - contiamo di poterci avvicinare alla personalizzazione della cura, che significa più efficacia e meno tossicità".

La seconda linea di ricerca, illustrata dal professor Umberto Veronesi, prende in considerazione la 'radioterapia metabolica', che sfrutta l'affinità tra due molecole per portare le radiazioni sul luogo dove servono a distruggere le cellule tumorali e solo su quello, risparmiando il tessuto circostante. Questo sistema, utilizzato finora solo sui tumori cerebrali, "sfrutta l'attrazione fatale - ha spiegato il professore - tra due sostanze, la avidina e la biotina. Subito dopo l'atto chirurgico, con la prima sostanza in forma di talco vengono 'verniciate' le parti che erano a contatto diretto col tumore asportato. Il giorno dopo si inietta in vena la seconda sostanza 'caricata' con una 'bomba' radioattiva (in genere si usa Ittrio 90). La biotina è attratta solo dalla avidina e viaggiando in tutto l'organismo andrà a localizzarsi solo su di essa, dove farà esplodere la sua carica radioattiva".
Veronesi ha spiegato che i tumori cerebrali sono fra quelli più difficili da curare, tanto che il 90% dei pazienti muore entro l'anno. Ma questo sistema, adottato contestualmente a un intervento chirurgico dopo recidiva, ha permesso un recupero nel 30% dei pazienti.
L'intendimento è ora quello di sperimentare il metodo nel tumore del polmone.

Una terza ricerca ha come obiettivo la riduzione della tossicità della radioterapia, applicando al tumore polmonare la Iort (radioterapia intraoperatoria) già usata con successo nel tumore della mammella.
"Il polmone - ha detto Giulia Veronesi - è un'area difficile da irradiare. Per questo abbiamo esplorato nuove strategie. In particolare, con la Iort, resa possibile da uno strumento portatile da posizionare accanto al letto operatorio, è possibile somministrare la radioterapia subito dopo la chirurgia, convogliando una singola dose molto elevata (equivalente a 2-3 volte la stessa dose somministrata con radioterapia esterna convenzionale) direttamente sulla parte da trattare".

Vincenzo Brancatisano

24/09/2004
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy