torna all'Home Page
   
martedì 21 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


Di Bella: oncologi a Storace, no a medicina dell'emozione

(ANSA) - ROMA, 11 MAG - Netto il no degli oncologi a una ''medicina basata sull'emozione anziche' sull'evidenza''. E no a ''una nuova vicenda Di Bella, che a suo tempo fu causa di profondo disagio''. Cosi', in una lettera aperta al ministro della Salute Francesco Storace, si e' espressa la comunita' degli oncologi, il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo), in merito alla riproposta vicenda Di Bella, che e' stata oggetto di discussione al congresso nazionale che ha riunito i 138 direttori delle strutture oncologiche italiane.
Gli oncologi manifestano grande perplessita' circa l'ipotesi di intraprendere una nuova sperimentazione. ''E' nostro profondo convincimento - affermano - che le Sue affermazioni creeranno negli ammalati e nelle loro famiglie aspettative di cura e illusioni di guarigione destinate a svanire, lasciando confusione e sofferenza maggiori di quanto non ve ne siano gia'''.
Secondo quanto riportato dalla lettera, ''nella fase attuale guarisce di cancro circa il 50% degli ammalati, grazie alla prevenzione, alla diagnosi precoce, alle terapie integrate e alla diffusione capillare delle strutture oncologiche sul territorio, tutte cose realizzate grazie agli investimenti pubblici. La via per andare incontro ai malati e' quella di investire sulla ricerca e di rendere facilmente accessibili i farmaci e le prestazioni sanitarie, adoperandosi perche' raggiungano la piu' elevata qualita'''. Proprio su questi aspetti gli oncologici auspicano un confronto e un impegno di Storace.
''Anche i malati che non guariranno ricevono cure adeguate, attenzione e rispetto, e questo - dice Guido Tuveri, presidente del Cipomo - e' stato sicuramente l'insegnamento che la vicenda Di Bella ha lasciato in eredita', ma e' stato l'unico - precisa l'oncologo - perche' l'inutilita' di quella terapia e' stata dimostrata in modo definitivo dalla sperimentazione, che e' stata rigorosa e non ha dato alcun risultato''. (ANSA).

Yahoo! Notizie 10/05/2005
http://it.news.yahoo.com/050511/2/37yau.html
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy