torna all'Home Page
   
giovedì 23 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


Il Bexarotene induce l’apoptosi delle cellule T tumorali nella sindrome di Sézary

Ricercatori della Pennsylvania University hanno analizzato gli effetti del Bexarotene ( Targretin ) sulle cellule T tumorali, isolate dal sangue periferico di pazienti affetti dalla sindrome di Sézary, la variante leucemica del linfoma cutaneo a cellule T.

Sono state analizzate le cellule mononucleari di sangue periferico ottenute da 9 pazienti con sindrome di Sézary ed una massa di cellule T tumorali circolanti (maggiore del 50% delle cellule mononucleari ).
E’ stato valutato ’effetto del Bexarotene sulle cellule T.

Il Bexarotene ha indotto in modo dose-dipendente apoptosi delle cellule T del sangue periferico dei pazienti affetti dalla sindrome di Sézary.

Le cellule T di circa i 2/3 dei pazienti sono risultate sensibili al Bexarotene, mentre le rimanenti cellule sono risultate resistenti all’effetto apoptotico del Bexarotene.

Il farmaco ha inibito la produzione di interleuchina 4 mitogeno-indotta da parte delle cellule del sangue periferico dei pazienti con sindrome di Sézary.

A differenza dell’acido retinoico tutto-trans, il Bexarotene non induce un aumento della produzione di interferone-gamma.

Il Bexarotene ha dimostrato di indurre l’apoptosi delle cellule T tumorali nei pazienti con sindrome di Sézary, anche se le cellule di alcuni pazienti possono risultare resistenti agli effetti apoptotici del farmaco.
La produzione di interleuchina 4, che può avere un ruolo nell’immunosoppressione sistemica che caratterizza la progressione della sindrome di Sézary, può essere inibita dal Bexarotene. ( Xagena_2005 )

Budgin JB et al, Arch Dermatol 2005; 141: 315-320

Xagena Medicina 19/04/2005
http://www.xagena.it/news/e-dermatologia_it_news/4c0a7bdd46ceb88d497eec5de360328e.html
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy