torna all'Home Page
   
giovedì 23 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


Più alti livelli di melatonina sono associati ad un più basso rischio di tumore mammario

L’esposizione alla luce durante la notte sopprime la produzione di melatonina e lavorare su turni notturni è stato correlato con un incremento del rischio di carcinoma mammario.

Tuttavia, l’associazione tra i livelli di melatonina circolante ed il rischio di tumore alla mammella non è chiaro.

In uno studio prospettico nella coorte del Nurses' Health Study II, sono state misurate le concentrazioni del maggiore metabolita della melatonina, la 6-sulfatossimelatonina ( aMT6 ), nella prima urina del mattino di 147 donne con carcinoma mammario invasivo ed in 291 controlli.

Nei modelli di regressione logistica, il rischio relativo ( riportato come odds ratio [ OR ] ) per il carcinoma mammario invasivo per le donne nel più alto quartile della 6-sulfatossimelatonina urinaria rispetto al quartile più basso è stato 0.59.

Tale correlazione è rimasta essenzialmente inalterata dopo aggiustamento per fattori di rischio del carcinoma mammario o per i livelli plasmatici dell’ormone sessuale, ma si è leggermente attenuata quando l’analisi ha incluso 43 casi con carcinoma mammario in situ ed i loro 85 controlli ( OR = 0.70 ).

L’esclusione delle donne che avevano avuto una storia di lavoro su turni notturni ha lasciato i risultati ottenuti per lo più inalterati.

Tali dati prospettici sostengono l’ipotesi secondo la quale più alti livelli di melatonina, misurati nella prima urina del mattino, sono associati ad un più basso rischio di carcinoma mammario. ( Xagena_2005 )

Schernhammer ES et Hankinson SE et al, JNCI 2005; 97: 1084-1087

Xagena Medicina 05/08/2005
http://www.xagena.it/news/e-ginecologia_it_news/a86aa57ade541fdb14f856fabd997a5e.html
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy