torna all'Home Page
   
sabato 18 novembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


Filippi (PDL) interpella la Giunta Regionale circa le polemiche su cura Di Bella

Regione - “A tutti i cittadini deve essere riconosciuto il diritto alla cura, non possono essere discriminati in base alla scelta del metodo”. A dichiararlo è Fabio Filippi, Presidente del Gruppo regionale Popolo della Libertà-GDL, che con la sua interpellanza cerca di scuotere la Giunta Regionale. Il ricorso al metodo Di Bella, per i pazienti affetti da gravi patologie oncologiche, continua a fare discutere, il consigliere Filippi, che riporta il caso sui banchi di Aldo Moro, analizza il problema da una prospettiva più ampia.

“Molti cittadini, infatti, per scelta o per impossibilità a sopportare le cure “convenzionali” – aggiunge Filippi – ricorrono a metodi di cura che dal nostro sistema sanitario non vengono riconosciuti. Se le agevolazioni non sono molte per chi si avvale dei metodi usuali, figuriamoci per coloro che ne scelgono altri. Indipendentemente dalle ragioni personali per cui ciascuno si avvale di un tipo di cura piuttosto che di un altro, tutti i cittadini devono trovare nelle istituzioni analogo trattamento. Le cure mediche devono essere garantite indipendentemente dalla scelta del singolo. Molte persone affette dalle suddette, gravi, patologie si sono avvalse del metodo Di Bella trovando benefici e spesso guarigione. La nostra Regione però, per chi decide di curarsi con metodi alternativi, prevede soltanto la possibilità di fare ricorso ad un assegno di cura, che tutti sappiamo perfettamente essere ben poca cosa, in quanto per averne diritto bisogna rientrare in fasce di reddito facilmente superabili: nel senso che i parametri sono talmente bassi che, troppo spesso, anche da chi fatica ad arrivare alla fine del mese, vengono superati. Il risultato finale è la mancata possibilità di far affidamento persino su quel piccolo, quasi irrisorio, aiuto!
Abbiamo già avuto casi in cui le AUSL bolognesi sono state condannate ad elargire gratuitamente i farmaci prescritti dal protocollo Di Bella, medicine che si erano rivelate particolarmente efficaci nella cura di alcuni pazienti. La salute non è uno scherzo e non può essere trascurata. Chi è affetto da queste gravi patologie non può essere privato della speranza della cura.
La Regione deve intervenire concretamente per garantire ad ogni emiliano-romagnolo affetto da neoplasia la cura adeguata nel rispetto delle sue volontà al fine di attribuire indistintamente a tutti i cittadini la concreta possibilità di fruire delle stesse agevolazioni nella predisposizione dei metodi di cura e nella acquisizione dei farmaci”.

Bologna 2000 25/07/2008
http://www.bologna2000.com/modules.php?name=News&file=article&sid=78882&mode=thread&order=1
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy