Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


Basta chemio: non lo dice soltanto Di Bella

Nel suo libro, Guida definitiva al cancro, il dottor Burton Gold-berg, direttore scientifico della rivista americana The Alternative Medi-cine, afferma che è necessario contrastare con forza l'asserzione della medicina ufficiale secondo cui la chemioterapia può sconfiggere il cancro. Nel libro, infatti, si sostiene che uno dei peggiori effetti collaterali della terapia chemioterapica è proprio il fatto che, statisticamente, aumenta la probabilità che insorgano metastasi. Questo significa che bisogna rassegnarsi a far progredire la malattia senza nemmeno provare con la chemioterapia? Non è così, ci sono anche altre vie terapeutiche e proprio in Italia ne sappiamo qualcosa col metodo Di Bella, ufficialmente bocciato dalla sperimentazione ufficiale, ma sul quale, per molti, c'è ancora parecchio da chiarire . Di Bella infatti sostiene la stessa tesi di Goldberg e in più l'ha concretizzata in un metodo terapeutico che si propone come alternativo alla chemioterapia. La sintesi della sua teoria sta in queste parole da lui recentemente pronunciate: "Dobbiamo chiederci se sia davvero necessario aggredire il corpo con la chemioterapia, che è cancerogena, nell'inutile tentativo di evitare metastasi che si ripresentano puntualmente, o se non sia invece possibile convivere con il tumore, attraverso una terapia rispettosa dell'organismo, che inpedisca alle cellule neoplastiche di continuare la loro azione".

Altra medicina 16/10/2002
http://www.altramedicina.com/Politica_salute3.html  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=171
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.