Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >

Probabili il "Careggi" e il "Meyer" di Firenze, il "Santa Chiara" di Pisa e il Policlinico di Siena
La patria di Rosy Bindi attende gli ordini del Ministro

FIRENZE - Non si sa ancora quali saranno i centri toscani che sperimenteranno la terapia Di Bella: dovranno essere le Regioni a deciderlo, insieme al Ministero. Nei giorni scorsi, l'assessore regionale alla SanitÓ Claudio Martini ha incontrato i direttori delle aziende sanitarie e ospedaliere toscane, per fare il punto della situazione e ricordare che "nessuno si deve muovere per conto proprio e, che si faccia in uno o in dieci centri, la sperimentazione dovrÓ comunque avere carattere regionale". Negli ospedali toscani, tante sono le persone che chiedono di fare la terapia Di Bella. L'ospedale di Careggi, il pi¨ grande della Toscana, si candida per la sperimentazione, ma senza grande entusiasmo. "Se Regione e Ministero ritengono che ci dobbiamo candidare", dice il professor Giampaolo Biti, responsabile del dipartimento di fisiopatologia clinica e coordinatore della segreteria del costituendo dipartimento di oncologia di Careggi, "noi abbiamo la competenza per farlo. Abbiamo duemila pazienti l'anno, e finora ne abbiamo seguiti oltre 50 mila". Stesso atteggiamento anche dal Santa Chiara di Pisa, sede dell'unico centro oncologico della regione, diretto dal professor Pierfranco Conte. "Se il Ministero deciderÓ, noi ci atterremo a quelle decisioni", fanno sapere. Si candidano invece con pi¨ decisione, il Policlinico Le Scotte di Siena, e l'Ospedale di Sinalunga, patria di Rosy Bindi. E anche il Meyer, l'ospedale pediatrico di Firenze, avverte che se Ministero e Regioni decideranno che la sperimentazione, questa andrÓ estesa anche ai tumori infantili: l'equipe di oncoematologia diretta dalla professoressa Graziella Bernini Ŕ disponibile alla sperimentazione.

Lucia Zambelli

La Repubblica 17/01/1998
http://www.repubblica.it/online/dossier/dibella/toscana/toscana.html  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=231
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.