testimonianze

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


Mariacristina (linfoma)

La mia storia . Cominciò all'inizio del mese di gennaio del 1988. Da un pò di tempo sentivo nella tonsilla sinistra un fastidio persistente, la senzazione era come se si fosse conficcato qualche corpo estraneo e fosse rimasto lì, come una spina o un pezzetto di pop corn. Non avevo dolore ma solo fastidio. Il medico di famiglia pensò a qualche tipo di fungo, mi prescrisse prima una pomata poi degli antibiotici. Tutto inutile, il problema restava. lo capii che c'era qualcosa di serio e commnciai a curarmi con delle cure omeopatiche, argilla, sali di shulzen e micominciai a preparare psicologicamente a questa lotta, questa sfida contro una nuova e pericolosa presenza nel mio corpo. A fine gennaio feci una visita specialistica, seguì un prelievo la biopsia, mi fu consigliato il ricovero per ulteriori analisi: rifiutai il ricovero ma misottoposi comunque a tutte le analisi del caso. Nel frattempo continuavoa curarmi a modo mio. Il responso della biopsia fu " LINFOMA NON HODGIN CENTRO BLASTICO / CENTRO CITICO DIFFUSO IN EVOLUZIONE CENTROBLASTICA SECONDARlA . Per curare questo tipo di tumore avrei dovuto sottopormi per seimesi ad un trattamento chemioterapico molto forte. Mi rifiutai e mi dedicai con tutte le mie forze alle cure che avevo scelto in alternativa . Poi, verso ottobre, erano passati intanto nove mesi , il dolore alla tonsilla si era acutizzato e cominciavo a soffrire. Fu a questo punto che telefonai al prof. Luigi Di Bella (che conoscevo per fama). Avevo forti dolorie così andai da lui; a quel tempo in pochi giorni si poteva ottenere con una certa facilità un appuntamento; Così avvenne anche per mè: dopo una lunga e meticolosa visita e una attenta lettura della mia cartella clinica mi rassicurò e mi disse che se avessi seguito la sua cura le probabilità di guarigione sarebbero state del 100% fin ospedale mi avevano dato 1'85%). Mi fece la ricetta con i retinoidi, melatonina, stilamin, synacten, solvobil, parlodel, vitamina c, AT 10, insomma un bel pò di roba. Naturalmente per la visita non mi chiese nessuna parcella ! Lo lasciai rassicurata e con tanta speranza, la sua visita mi aveva dato molta sicurezza ed ero piena di voglia di curarmi. Scoprii subito che curarsi con lui non sarebbe stato così semplice; per poter avere le medicine almeno in parte rimborsate dalla mutua, dovevo passare dal medico di base. Così la mia battaglia si complicò: la lotta ora non era più solo con il male ma anche contro una certa "logica" della medicina . Dovetti cambiare ben cinque medici, nessuno voleva prescrivermiquella cura! Tutti mi dicevano che sbagliavo che sarei dovuta andare inospedale ecc. Queste incomprensioni unite al problema del mio male mi resero esausta ma determinata come non mai. Alla fine trovai un medico comprensivo, lui aveva sentito parlare del professore e finalmente potei incominciare la cura. Dopo dieci giorni il dolore scomparve, piano, piano stavo sempre meglio: ogni tre mesi mi sottoponevo ad analisi che spedivo regolarmente al professore. 1116/03/1990, dopo sei mesi dei curami sottoposi all'esame della TAC; ecco il responso: "a livello faringeo non risulta più riconoscibile la formazione espansiva segnalata allaTAC precedente del 21/03/1988".Da quel momento in poi la mia salute è stata sempre ottima, ho proseguito la cura sempre sotto la guida del prof. Di Bella fino al 1994 e da allora in poi vado avanti con le vitamine e la melatonina. Questa è la mia storia, testimonianza semplice e veritiera e il fatto di poterla raccontare è da ricondursi alla fortuna e all'onore di essere stata curata da questo grande professore all'efficacia della sua cura e alla pazienza e lungimiranza di quelle poche persone che con il loro aiuto prezioso mi hanno sostenuto aiutato e salvato la vita! In fede Maria Cristina Guieu

Maria Cristina Guieu

Alternative per vivere 25/12/2001
http://www.alternativepervivere.com/paginaprincipale.html  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=293
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.