Diritto e Giurisprudenza

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


TAR LIGURIA – sentenza Registro Sentenze: 884 - Registro Generale: 1033/2002sa del 22/08/2002

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE
PER LA LIGURIA
GENOVA
SECONDA SEZIONE
Registro Sentenze: 884 Registro Generale: 1033/2002sa nelle persone dei Signori: ROBERTA VIGOTTI Presidente STANISLAO ROSATI Consigliere SERGIO FINA Consigliere, relatore ha pronunciato la seguente
SENTENZA
nella Camera di Consiglio del 22 Agosto 2002 Visto il ricorso 1033/2002 proposto da: OMISSIS rappresentato e difeso da: OMISSIS OMISSIS con domicilio eletto in GENOVA OMISSIS presso OMISSIS contro AZIENDA U.S.L. N. 3 - GENOVESE rappresentato e difeso da: PIZZORNI PIER GIORGIO con domicilio eletto in GENOVA VIA XX SETTEMBRE 14/31 presso la sua sede REGIONE LIGURIA MINISTERO DELLA SALUTE rappresentato e difeso da: AVVOCATURA STATO con domicilio eletto in GENOVA - V.LE BRIGATE PARTIGIANE 2 presso la sua sede COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO rappresentato e difeso da: AVVOCATURA STATO con domicilio eletto in GENOVA - .LE BRIGATE PARTIGIANE 2 presso la sua sede per l'annullamento, previa sospensione dell'esecuzione, della produttività di effetti: - dell’art. 1 c. 3 dell’O.M. 20.11.98 cui il Ministero della Sanità, al termine della “sperimentazione” sulla cd. Multiterapia Di Bella (MDB) ha stabilito di limitare la prosecuzione della somministrazione gratuita dei farmaci contenuti “nel protocollo Di Bella” ed i relativi studi osservazionali, ai soli pazienti che, alla data del provvedimento avessero avuto una risposta positiva alla cura o una stabilizzazione degli effetti, escludendo così da detta somministrazione gratuita che, pur avendo un positivo riscontro, non aveva, per esclusive ragioni di natura temporale o in quanto affetto da differenti patologie tumorali, potuto prendere parte ad origine alla sperimentazione; - del provvedimento con cui C.U.F. non ha inserito il farmaco Somatostatina nella classe A con riferimento al trattamento di malati oncologici affetti da meningioma transizionale; - del silenzio rifiuto della AUSL n. 3 Genovese e della Regione Liguria in merito alla richiesta d’erogazione gratuita del farmaco Somatostatina inoltrato dalla ricorrente, nonché degli atti, provvedimenti e deliberazioni tutte, presupposte, consequenziali e/o attuative dei provvedimenti oggetto d’impugnazione. Visti gli atti e i documenti depositati con il ricorso; Vista la domanda di sospensione della esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dal ricorrente; Visto l'atto di costituzione in giudizio di: AZIENDA U.S.L. N. 3 - GENOVESE COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO MINISTERO DELLA SALUTE Udito il relatore Consigliere SERGIO FINA e uditi, altresì, i difensori delle parti costituite; Visti gli artt. 19 e 21, u.c., della Legge 6 dicembre 1971, n. 1034, e l'art. 36 del R.D. 17 agosto 1907, n. 642, come novellato dalla legge 21 luglio 2000, n. 205; Visto l’art. 25 della legge 21/7/2000; Valutata la completezza del contraddittorio e ritenuta la sussistenza dei presupposti per la definizione in merito del giudizio a norma dell’art. 26 della legge n. 1034/71 come modificato dell’art. 9 della legge n. 205/2000; Rilevato che l’art. 33 del D.L.vo n. 80/1998, come novellato dall’art. 7 della legge n. 205/2000 dispone che sono devolute alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo tutte le controversie in natura di pubblici servizi, ivi comprese quelle rese nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale, con esclusione dei rapporti individuali di utenza con soggetti privati; Ritenuto che nella fattispecie non vengono in rilievo interessi generali ai quali, necessariamente, va correlata l’attribuzione della controversia alla giurisdizione del giudice amministrativo, così come chiarito dalla Comm. SS.UU. n. 72/2000 e come ritenuto da questo Tribunale con sentenze nn. 51/2001, 1163/2001 e 1145/2000, ma unicamente la tutela del diritto soggettivo ad ottenere l’erogazione gratuita di un farmaco. Ritenuto che il ricorso, pertanto, debba essere dichiarato inammissibile per difetto di giurisdizione del giudice adito, rientrando la controversia nella giurisdizione del giudice ordinario, con compensazione delle spese tra le parti. P.Q.M. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria, Sez. II, definitivamente pronunciando, dichiara inammissibile il ricorso in epigrafe. Spese compensate. Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’Autorità Amministrativa. GENOVA , li 22 Agosto 2002 IL PRESIDENTE L’ESTENSORE (R. Vigotti) (S. Fina) Tribunale Amministrativo Regionale della Liguria Depositato in Segreteria il 22 AGO 2002 Il Direttore di Segreteria (Dott.ssa C. Savino)

22/08/2002
 
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=346
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.