Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >

Curava il cancro con la somatostatina
E' morto Luigi Di Bella

E' morto il professor Luigi Di Bella, il noto fisiologo modenese che mise a punto una terapia "alternativa" anticancro a base di somatostatina, melatonina e bromocriptina. Il professore si è spento all'età di 91 anni all'Ospedale Estense di Modena, nel reparto in cui era ricoverato da alcune settimane in seguito a una crisi respiratoria. La camera ardente è stata allestita all'ospedale S. Agostino. I funerali mercoledì alle 11 a Fanano. Luigi Di Bella era nato a Linguaglossa, Catania, il 17 luglio 1912, ultimo di tredici figli. Dopo la maturità scientifica a Messina, nel 1936 si laureò in Medicina e Chirurgia con 110 e lode all'Università di Bari. Lo stesso anno conseguì l'abilitazione all'esercizio della professione medica nell'Università di Parma. Incaricato per tre anni nell'Istituto di Fisiologia Umana, nel 1939 venne nominato assistente ordinario, avendo superato il Concorso Nazionale per assistenti. Nel 1941, col grado di capitano medico di complemento, partì per la Grecia per dirigere l'Ospedale da campo della 39° divisione Acqui e, nel 1942, della 209° divisione Modena. Dal 1943 venne incaricato del Corso di Fisiologia Generale per Scienze Naturali, Scienze Biologiche e Farmacia. Nel 1948 conseguì la libera docenza in Fisiologia Umana e, sempre lo stesso anno, in Chimica Biologica. Fu incaricato di Fisiologia I fondamentale nella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Modena. Dal 1984, anno del pensionamento, continuò la sua attività di ricerca nel laboratorio di proprietà, presso il quale continua a ricevere i propri pazienti. Nel gennaio 1990 venne insignito del "Premio della Bontà" presso la Chiesa di Villanova (Mo), per avere visitato i propri pazienti sempre gratuitamente.

TGCOM 01/07/2003
http://www.tgcom.it/ArticoloTgCom/articoli/articolo131562.shtml  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=407
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.