Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


Il prof. Conte: 'Un uomo in buona fede, ma la sua multiterapia non è efficace'

Nel gruppo degli scettici che all'epoca non ritenevano necessaria la sperimentazione, e che entrarono a far parte del team di oncologi chiamati dal ministero della Sanità a elaborare i protocolli e valutarne l'efficacia, c'era il professor Pier Franco Conte. All'epoca era primario ospedaliero a Pisa, oggi è professore ordinario a Modena, universitario, ed è direttore del dipartimento di oncologia al Policlinico. I seguaci del fisiologo accusarono i promotori della sperimentazione di avere boicottato i risultati e travisato i metodi. In tv si disse che dopo la riunione con gli oncologi i verbali furono alterati e che la firma del prof. Di Bella era posticcia. Per questo Conte (che di quella riunione fu segretario, chiamato dalla Bindi a verbalizzare) querelò. I giudici di Pisa diedero ragione a Conte in primo grado, la cosa poi passò in Appello e si è fermata li: «La morte del prof. Di Bella — dichiara il prof. Conte — mi addolora e conclude la vicenda umana di una persona convinta in buona fede delle sue ragioni. Sono altrettanto convinto che una lezione positiva dell'accaduto ci ha portati a prestare maggiore attenzione e dare ascolto ai pazienti malati e ai loro bisogni. Per quanto riguarda la sperimentazione di cui sono stato corresponsabile, e titolare di due protocolli, penso che abbia fatto chiarezza sulla inefficacia della multiterapia».

Il Resto del Carlino 02/07/2003
http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/chan/29/4:4517432:/2003/07/02  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=416
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.