Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


Di Bella, applausi e lacrime

Erano alcune centinaia, ieri, prima alle camere ardenti del Sant'Agostino e poi nella chiesa di Fanano, le persone arrivate da tutta Italia che hanno voluto dare l'ultimo saluto al professor Luigi Di Bella, il fisiologo modenese che ha legato il suo nome alla discussa multiterapia anticancro e che si è spento martedì all'Estense pochi giorni prima di compiere 91 anni. Lacrime e applausi per l'uomo della speranza: il «popolo del professore» ha portato fiori e preghiere, tanti avevano bigliettini in mano e storie di guarigioni da raccontare. Poi il mesto corteo si è trasferito in Appennino, dove la salma e è stata tumulata accanto a quella di Maria Teresa Rossi, l'allieva prediletta di Di Bella, morta nell'88 per una rara malattia. Intanto si parla dell'eredità scientifica del professore: c'è chi propone di ripetere, senza ostilità preconcette, la sperimentazione nazionale della multiterapia. In Regionale

Il Resto del Carlino 03/07/2003
http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/chan/29/1:4520131:/2003/07/03  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=479
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.