Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


Poste a valanga, scrivono vip e gente comune Un telegramma anche dallo staff di Pavarotti

Valanghe di messaggi di cordoglio stanno arrivando in via Marianini e ai congiunti. Altrettanto numerosi i messaggi pubblicati via Internet sul sito ufficiale luigidibella.it dove si possono leggere liberamente. Molti anche i vip che hanno inviato messaggi: un telegramma è venuto pure dallo staff di Pavarotti. Nel coro di apprezzamenti, che appartengono alla sfera del privato (ma ci sono state anche le dichiarazioni degli amministratori locali) arriva una tirata d'orecchie di Enrico Benini di Forza Centro, che dice: «Modena non è stata sufficientemente vicino al professor Luigi Di Bella. Non ha vissuto da vicino le sue battaglie mediche, ma soprattutto ha dimostrato un certo distacco al momento della morte, tanto che al funerale in rappresentanza della città abbiamo visto solo il sindaco. Dobbiamo dire grazie a Barbolini; ma la sua presenza non è stata sufficiente a sopperire la mancanza di tutti gli altri». Benini aggiunge: «Di Bella era un uomo scomodo, un genio. Ha aiutato tutti senza pretendere elevati compensi. Era un generoso, un uomo grande. Mi auguro che il sindaco voglia dedicargli una piazza». Ma Modena ha davvero «trascurato» il professor Di Bella, nel momento della sua scomparsa? Le cose non stanno esattamente così. La «macchina» del ricordo e della gratitudine si è mosssa silenziosamente, con riservatezza. Ne sono prova le decine di mazzi di fiori che giunti alla famiglia. I portalettere hanno consegnato telegrammi provenienti da tutt'Italia. A parte la gratitudine dimostrata dai malati e dai loro parenti, i familiari del professore confermano che il loro padre è stato ricordato con parole commoventi e d'affetto anche da persone «importanti» del mondo della cultura e dello spettacolo. «Non chiedeteci i nomi — dicono i figli di Di Bella — . Per riservatezza preferiamo non diffonderli, anche se andiamo orgogliosi e conserviamo gelosamente questi messaggi, come testimonianza della grandezza e dell'animo generoso di nostro padre».

Il Resto del Carlino 04/07/2003
http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/chan/29/3:4522809:/2003/07/04  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=486
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.