Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >

Proteste on-line e lettere per la «stroncatura» nel giorno del funerale
Il Costanzo Show fa infuriare i malati

«Caro professore, certe trasmissioni come il Maurizio Costanzo Show non ti lasciano in pace neanche da morto». Lo sfogo on-line di Massimo è solo uno dei tanti messaggi di rabbia pubblicati sul sito del professore dopo la trasmissione dedicata a Di Bella la sera del suo funerale. La trasmissione andata in onda mercoledì sera è stata duramente contestata non solo dall'entourage del professore, ma anche da tantissimi spettatori che si sono sentiti offesi dal modo in cui Costanzo ha «onorato» la memoria di Di Bella, paragonando il suo lavoro a quello di maghi e guaritori filippini e, soprattutto, facendo parlare ospiti «a senso unico». Ad eccezione del ministro Sirchia, che ha espresso parole positive sull'uomo, gli altri ospiti erano tutti nemici giurati del prof: l'oncologo Tirelli e l'ematologo Mandelli, oltre ad un brano registrato di Rosy Bindi. Decine di mail di protesta sono arrivate al sito di Di Bella: «Non lasciate che il suo ricordo gestito dalle battute sprezzanti e dai giudizi ingloriosi di Costanzo e dell'Unità on line» chiede Stefano in un messaggio. E Ugo: «Il solito, ineffabile Costanzo non s'è trattenuto nella sua chat da bar sport, nel suo fervorino populista con pistolotto finale» con «impar condicio, solo oncologi di parte, e non una possibilità di replica». «Caro Costanzo - scrive Maria Grazia - stavolta hai toccato il fondo. Che diritto avevi di insultarlo?» In una lettera aperta, il presidente nazionale dell'Aian, Patrizia Mizzone, protesta duramente: «Mi ha fatto accapponare la pelle, al ritorno dal funerale di un uomo di elevatissima statura morale e prestigio scientifico, vedere lo scempio che ne è stato fatto in trasmissione, 10 squallidi minuti orchestrati per mettere la pietra tombale sulla vicenda Di Bella. Ha tutta la mia disistima».

La Gazzetta di Modena 05/07/2003
http://www.gazzettadimodena.quotidianiespresso.it/gazzettamodena/arch_05/modena/cronaca/dc404.htm  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=493
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.