Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


'Ospedale 'Di Bella'? No, lui era schivo'

Ieri sarebbe stato il 91esimo compleanno del professor Luigi Di Bella. E l'Associazione ammalati neoplastici (Aian) di Modena lo ricorda e lo ricorderà «perché siamo in molti a vivere, da lungo tempo e bene, grazie a quel 17 luglio 1912. Per gli altri Luigi Di Bella riposa nel piccolo cimitero di Fanano; per noi è tuttora in via Marianini, là dove ci ha ricevuti, visitati, confortati, rivisti tante volte». Intanto il presidente del consiglio comunale, Stefano Bellentani, risponde a Emilio Salemme dei radicali che ha chiesto di intitolare al fisiologo scomparso il nuovo ospedale di Baggiovara. «Questa presidenza ha già inserito come oggetto sin dalla seduta del 7 luglio un ordine del giorno presentato dai consiglieri azzurri che invita a dedicare a Di Bella via Marianini e si sta facendo promotore insieme ad altri gruppi per la presentazione di un altro odg volto a valorizzare la figura del professore. Tali proposte andranno però discusse dopo la pausa estiva e in sede istituzionale». Bellentani, che in passato ha fatto parte del Direttivo provinciale dell'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri «e gestito grosse polemiche spesso strumentalizzate da varie parti politiche», sottolinea come sia «giusto trovare una formula di giusto riconoscimento a questo nostro umile cittadino, grande ricercatore, benefattore dotato di grandi doti umane. Vista la riservatezza del personaggio — precisa Bellentani — non sono però del tutto convinto che lui stesso avrebbe desiderato l'intitolazione di un intero ospedale. La decisione sarà comunque presa dalla competente Commissione toponomastica».

Il Resto del Carlino (Modena) 18/07/2003
http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/chan/29/7:4555881:/2003/07/18  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=512
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.