Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >

Risposta del Dott. Mauro Todisco alla lettera del Prof. Altilia pubblicata il 5 settembre 2003
Todisco: i miei successi con la terapia Di Bella sono tutti pubblicati

Leggo sul Messaggero l’affermazione di Filippo Altilia, presidente dell’Ordine dei Medici di Ascoli: «Che il dottor Todisco usi la terapia Di Bella con successo lo dice lui...». Premetto che non è mia abitudine dire una cosa per un’altra, specie nell’esercizio della professione. Ciò mi è dettato, oltre che dalla coscienza, anche da quella deontologia professionale che il presidente dell’Ordine, essendone custode, non dovrebbe mettere in dubbio salvo averne accertato la violazione. Entrando nel merito, poi, sfugge al prof. Altilia che su alcuni dei risultati da me ottenuti con la multiterapia Di Bella in patologie diverse (linfomi non Hodgkin, piastrinopenie), ho già pubblicato su riviste scientifiche internazionali (può trovarne gli abstracts facendo una ricerca per autore su Medline), e che per altri successi terapeutici è in corso la procedura per la pubblicazione. Sfugge pure al prof. Altilia, che in relazione ai risultati pubblicati sull’uso della melatonina nelle piastrinopenie, ho ricevuto richieste di informazioni da parte di studiosi ed oncoematologi italiani e d’oltreoceano. Quanto poi all’assimilazione che Altilia sembra operare tra successi terapeutici e guarigioni cliniche, non posso non precisare che è un successo terapeutico anche la stazionarietà negli anni di una malattia che, prima dell’instaurazione della cura, aveva mostrato una sistematica tendenza alla progressione, e che, quando si parla di tumori, e anche più generalmente in medicina, è preferibile parlare, piuttosto che di guarigione, di assenza di malattia documentabile, come del resto io faccio nel caso, recentemente proposto per la pubblicazione a una nota rivista britannica, di un paziente con melanoma andato in remissione completa da oltre cinque anni. La capacità di far guarire, infatti, è competenza e appannaggio, per chi crede, di entità diverse dal medico.

Mauro Todisco

Il Messaggero (Ancona) 09/09/2003
 
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=552
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.