Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


Un novatese al 1° Congresso nazionale di neuroimmunologia

L’11/10 si è svolto a Milano un congresso sul tema “Neuroimmunologia: applicazioni cliniche di una nuova disciplina in oncologia medica e chirurgica”. Nel pomeriggio (non ero presente la mattina) il dr. Paolo Lissoni ha in sintesi delineato questa situazione: - al cancro si deve il 30% delle cause di morte - è aumentata l’incidenza dei tumori (tranne che per il cancro gastrico) - l’età giovanile è più colpita di prima - la prevenzione è solo prescrittivo-negativa e fisicistico-meccanica (eliminare fumo e determinati cibi ecc…) senza una reale attenzione all’aspetto spirituale e psicologico (in un’ottica penalizzante veterotestamentaria) - è in atto una privatizzazione di molecole del corpo umano (citochine), utili nella cura dei tumori, attuata dalle case farmaceutiche. Lissoni ha inoltre criticato il controllo che da sempre il mondo politico italiano impone alla libertà scientifica, sottolineando anche la deleteria scissione scienza/filosofia. Ha poi distinto la nuova dalla vecchia oncologia, la 2ª cancerocentrica e finalizzata alla distruzione della neoplasie, la 1ª antropocentrica, in quanto integrandosi con la seconda mira alla ricostruzione dell’unità psicologica distrutta dal cancro. Il relatore, che dirige la Divisione di radioterapia oncologica all’ospedale S. Gerardo di Monza, ottiene da più di 15 anni con la sua équipe, presente al congresso, risultati significativi e riconosciuti a livello internazionale nella terapia antitumorale con la somministrazione della melatonina, l’ormone secreto nel sonno dall’epifisi o ghiandola pineale, in sinergia con le terapie convenzionali. D’altro canto anche in tema di prevenzione oncologica, per ovviare all’immunodeficienza da stress - cui fa riferimento su “Corriere salute” del 12/10 L. Grassi, vicepresidente della società italiana di psiconcologia - Lissoni ha citato in termini elogiativi gli studi sulla sessualità dello psicanalista austriaco Wilhelm Reich (1897-1957), suggerendo oltre alla melatonina: il ricorso alle discipline spirituali (Yoga e/o arti marziali) - la floriterapia (fiori di Bach) - i prodotti antiossidanti (aloe e mirra), tutti presidi del sistema immunitario.

Rita Blasioli

Il Guado 30/05/2000
http://ilguado.it/informazionimunicipali/dicembre%202003/scrivono.htm  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=609
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.