Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >


Sperimentazioni cliniche: maggiore chiarezza per i partecipanti

Un gruppo di ricercatori statunitensi ha provveduto a elaborare una revisione degli studi che si sono occupati dal 1966 a oggi di consenso informato. Lo scopo era verificare che le persone, al momento di intraprendere una sperimentazione clinica, siano coscienti di tutti i rischi a cui vanno incontro o conoscano i criteri di inclusione. I dati dicono che le informazioni date sono poche e quelle poche sono fraintese, nÚ si verifica la loro comprensione: il 30% degli arruolati in uno studio sulle terapie per cancro alla mammella pensava che i farmaci loro proposti fossero giÓ risultati in altri test i migliori per i loro tipo di tumore; il 44% di malati arruolati in uno studio che confrontava i beta bloccanti con il placebo non sapeva di essere solo per caso in un ramo della sperimentazione piuttosto che in un altro. Lo studio ha concluso che nessuna tecnica di comunicazione, inclusa quella multimediale, Ŕ efficace come una spiegazione individuale delle informazioni.

JAMA 2004; 292: 1593. 03/11/2004
 
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=626
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.