Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >

Lo staff di specialisti voluto dall'ex mimistro della Salute, Girolamo Sirchia e confermato dall'ex Governatore del Lazio, valuterą l'efficacia della terapia su 200 pazienti. Si inzierą dai linfomi, per proseguire con sarcomi e leucemie
Cura Di Bella: Storace fa studiare 200 casi

Roma, 20 maggio 2005 - Il gruppo di esperti del Consiglio superiore di Sanita' nominato dall'ex ministro della Salute Girolamo Sirchia e confermato dall'attuale ministro, Francesco Storace, ha gia' preparato il lavoro per la nuova analisi sull'efficacia della terapia Di Bella. Gli esperti, guidati dal clinico Guido Pozza, hanno realizzato le schede di verifica sulla base dei principi della Good Medical Practice. Le schede, ha spiegato a margine dei lavori dell'assemblea nazionale dell'Aiop (che rappresenta le aziende dell'ospedalita' privata), il presidente del Consiglio superiore di Sanita', Mario Condorelli, serviranno appunto per il confronto dei dati clinici di oltre 200 pazienti che, secondo Giuseppe Di Bella, figlio dell'oncologo ideatore della terapia, sarebbero guariti grazie alla cura del fisiologo modenese. I dati clinici, al momento, non sono pero' ancora a disposizione degli esperti del Consiglio superiore di sanita' che dovranno poi riferire i risultati di queste analisi al ministro della salute. Si partira', ha spiegato Condorelli, da un'analisi dell'efficacia della terapia Di Bella sui linfomi e successivamente sui sarcomi e leucemie.

RomaOne.it 20/05/2005
http://redazione.romaone.it/4Daction/Web_RubricaNuova?ID=66133&doc=si  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=686
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.