Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >

Un genitore di Pescara racconta la storia del figlio in cura da cinque anni
DI Bella chiede una nuova sperimentazione

MILANO. Una nuova sperimentazione "con farmaci gratuiti di preparazione certa" sono stati chiesti da Giuseppe Di Bella e da oltre 60 medici ieri in un convegno con pazienti che hanno raccontato il loro calvario in chemioterapia e i risultati col Metodo Di Bella. Il fIglio del profes- sore ha riferito di promesse da esponenti del Polo, per una nuova sperimentazione con criteri certifIcati dal National Cancer Institute. "Migliaia di malati -ha aggiunto -fanno la cura , ma a spese loro": Una fiala di somatostastina costa 500mila lire e non copre le 24 ore, mentre la nuo- va somatostatina sintetica costa 3.700.000 per 25 giorni . Il consigliere regionale leghista Stefano Galli ha per˛ chiesto a Formigoni "il totale rimborso della cura", se la nuova sperimentazione sarÓ positiva, e intanto "un capitolo di bilancio" per le cure dei circa 2.000 pazienti che Di Bella dice di avere in Lomdardia . Paolo Ferrone di pescara ha raccontato che nel febbraio 1996 suo figlio Lorenzo (oggi dodicenne) fu diagnosticato un linfoma Burkit, e, dopo due ci mio al S.Orsola di Bologna, gli erano state date pochŔ ore di vita. Con Di Bella, giÓ nel maggio '96, "era avvenuta una reversione del linfoma" . "In camera con Lorenzo c'erano 4 bimbi: si sono salvati solo lui e Giovanna , col metodo Di Bella .

ALTO ADIGE 07/05/2001
http://www.altoadige.it/  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=72
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.