Rassegna stampa

< C L I C C A  P E R  S T A M P A R E  >

Il figlio del professor Luigi trasferisce parte della sua attività sul Titano, dove verrà praticata la contestata cura Di Bella.
Giuseppe Di Bella annuncia il trasferimento a San Marino

“Sulla terapia Di Bella è stata fatta censura e disinformazione”; così il dottor Giuseppe Di Bella, esordisce alla presentazione del nuovo accordo con uno studio medico sammarinese, nel quale pazienti sammarinesi e italiani potranno curarsi con le terapie messe a punto da suo padre. Critico con i metodi coi quali si è portata avanti la fase di sperimentazione, a suo dire mirati a screditare la cura Di Bella, il medico modenese difende a spada tratta le conclusioni cui è giunto suo padre e spiega egli stesso i motivi per cui ha deciso di trasferirsi sul Titano. Ma l’oncologia sammarinese puntualizza di non essere stata minimamente coinvolta nel progetto, tant’è che nessuna delle istituzioni era presente. “Nel ’97, quando ci fu il boom della terapia Di Bella - spiega la responsabile, dottoressa Elena Mularoni – una ventina di pazienti decisero di seguirla. Adesso sono ridotti a 2. I nostri pazienti potranno comunque utilizzarla, sempre che il medico di base dia la sua autorizzazione”. Anche il direttore sanitario dell’Iss, Carlo Antonelli, conferma che l’istituto non ha alcun coinvolgimento nel progetto, e che il comitato esecutivo sta valutando la situazione per decidere cosa fare in proposito.

Radiotelevisione della Repubblica di San Marino 03/12/2007
http://www.sanmarinortv.sm/attualita/default.asp?id=35&id_n=23382  
   
indirizzo di questo documento: http://www.atsat.it/articolo.asp?id_articolo=750
   
<<:: Torna alla versione per schermo

AVVERTENZA: L'associazione A.T.S.A.T. non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di inesattezze in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su ATSAT.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.